10 più cità di Bulgaria incluse in a "B40 Balkan Cities Network"

A cità di Bulgaria hè inclusa in a "B Rete di Cità Balcani"
10 più cità di Bulgaria incluse in a "B40 Balkan Cities Network"

Inseme à Sofia, a capitale di Bulgaria, 10 altre cità di u stessu paese sò state incluse in a "B40 Balkan Cities Network". Parlendu à a ceremonia di firma in Sofia, u presidente di l'IMM Ekrem İmamoğlu"Per scuntràvi à a stessa tavola quì oghje hè estremamente impurtante per u futuru cumunu di e nostre cità. Perchè in parechje parte di u mondu, e diverse società ponu ottene a prosperità attraversu a cooperazione regiunale. In questu rispettu, u mottu di a Rete B40 hè simplice è chjaru: Cullaburazione megliu, futuru megliu ". I sindaci firmatari anu celebratu a so cooperazione cù a gioia turca servita da İmamoğlu. Cù e firme, u numeru di e cità di i Balcani membri di B40 hè diventatu 39.

Sindaco di a Municipalità Metropolitana di Istanbul (IMM) Ekrem İmamoğlu, ghjuntu in Sofia, a capitale di Bulgaria, per discutiri a furmazione di a "B40 Balkan Cities Network". U primu indirizzu di İmamoğlu in a cità era l'ambasciata turca in Sofia. İmamoğlu hà scontru cù l'ambasciadore Aylin Eightkök è dopu a so visita, si n'andò in a municipalità di Sofia. U sindaco di Sofia Yordanka Assenova Fandakova, chì hà accoltu İmamoğlu in u so uffiziu, hà ringraziatu u sindaco di İBB per a so visita. I dui Presidenti accunsenu à aumentà a cooperazione trà e so cità.

I SINDACI DI 11 CITTE HAN PARTICIPU À A REUNITA

L'ultimu avvenimentu di İmamoğlu in Sofia era a "reunione B40". A riunione, in a quale a decisione di 9 cità bulgare per unisce à a reta, inseme cù Sofia, hè stata firmata in u Grand Hotel Millennium Hotel. À a riunione, inseme cù İmamoğlu è Fandakova; Sindaco di Kardzhali Hasan Azis, Sindaco di Burgas Dimitar Nikolov, Sindaco di Plovdiv Zdravko Dimitrov, Sindaco di Veliko Tarnovo Daniel Panov, Sindaco di Dimitrovgrad Ivo Dimov, Sindaco di Troyan Donka Mihaylova, Sindaco di Karlovo Emil Kabaivanov, Sindaco di Karnobat Georgi Dimitrov, Rakovski U sindaco Pavel Gudzherov è u sindaco Sliven Stefan Radev anu assistitu.

"KIRCAALİ, MEMBRE FUNDATORE DI B40"

İmamoğlu hà iniziatu u so discorsu à a riunione cù e parolle: "In quantu u fundatore è u presidente di u mandatu di a Rete di Cità Balcani B40, chì avemu custruitu per rinfurzà a sulidarità è a cooperazione in a nostra regione, a nostra riunione in Sofia hè una espressione di l'impurtanza chì attachemu. à a Bulgaria è a nostra cooperazione cù e cità bulgare ". Ricordendu chì a cità bulgara di Kardzhali hè ancu un membru fundatore di a Rete B40, İmamoğlu hà dettu: "Per scuntràvi à a stessa tavola quì oghje hè estremamente impurtante per u futuru cumunu di e nostre cità. Perchè in parechje parte di u mondu, e diverse società ponu ottene a prosperità attraversu a cooperazione regiunale. In questu rispettu, u mottu di a Rete B40 hè simplice è chjaru: "Cullaburazione megliu, futuru megliu". disse. Ricordendu chì anu pusatu i fundamenti di u B40 cù u "Summit di i Sindaci di i Balcani Cities" tenutu in Istanbul in Novembre 2021, İmamoğlu hà dettu:

"ISTANBUL, ATENE, I PROBLEMI DI SOFIA ùn sò micca sfarente"

"11 merri di 23 paesi, cù una forte vulintà, anu decisu à l'unanimità di stabilisce sta reta chì principia un novu prucessu di cuuperazione trà e cità balcaniche. Perchè cum'è e cità Balcani, ancu s'è avemu spartutu geugrafia è valori culturali simili, ùn avemu micca avutu un mecanismu per aumentà a cooperazione economica, tecnologica è culturale trà noi. Tuttavia, da un puntu di vista amministrativu, i prublemi di Istanbul è, per esempiu, Sofia, Belgrad o Atene ùn sò micca cusì diffirenti. Finu à a Rete B40 hè stabilitu, valuterà i prublemi cumuni di tutti noi, cum'è a crisa climatica, a migrazione, a lotta contru a miseria urbana, l'inghjustizia di u redditu, a demucrazia lucale o a trasfurmazioni digitale in una sola pignatta; Ùn ci era micca miccanisimu per pruduce pruposte di suluzione innovadora trasferendu tecnulugia è sperienza ".

"Avemu principiatu cù 23 cità, ghjunghjemu à 39"

Enfatizendu chì u B40 hè statu stabilitu cum'è una piattaforma induve e cità di i Balcani seranu rapprisentate ugualmente è travaglià cù i principii di ottene scopi cumuni cù una mente cumuna, İmamoğlu hà dettu: "Semu sempre à u principiu di tuttu. Inseme, ghjunghjeremu risultati significativi à cortu è mediu termine. È andemu assai inseme. Ma crede chì avemu fattu un principiu impurtante versu a custruzzione di partenarii è a custruisce un futuru cumunu per u benefiziu di e nostre cità membri. Dapoi u ghjornu chì avemu statu fundatu, avemu fattu passi per sviluppà a cooperazione regiunale è espansione sta piattaforma, chì avemu principiatu cù 23 cità. Oghje, ghjunghjemu à 39 cità cù a vostra participazione ". Enfatizendu chì crede chì u B40 diventerà assai più forte è e opportunità di cooperazione regiunale si svilupperanu cù novi participazioni, İmamoğlu hà dettu: "Avemu decisu di a custituzione di a Rete B40 firmendu un manifestu cumunu cù u sindaco chì hà assistitu à a Summit d'Istanbul u Novembre scorsu. Sicondu questu; ogni membru averà uguali diritti, u mandatu di presidenza serà rotativu è serà di 1 annu. A rispunsabilità è u pesu di u secretariatu permanente seranu in Istanbul ".

"AMU BISOGNA UNA TRASFORMAZIONE RESISTENTE AI CAMBIAMENTI CLIMATICI"

Esprimendu chì anu furmatu 40 gruppi di travagliu separati in u B4 dopu à a riunione di Istanbul, İmamoğlu hà dettu; Li hà listatu cum'è "Azione Climatica Locale", "Demucrazia Locale è Migrazione", "Città Intelligenti è Trasfurmazione Digitale" è "Cooperazione Economica Locale". Parlendu cun un focusu nantu à u cambiamentu climaticu, İmamoğlu hà dettu: "I disastri chì avemu sperimentatu per via di u cambiamentu climaticu mostranu chì avemu bisognu di una trasfurmazioni in e nostre cità cumpatibili cù a natura è resistenti à u cambiamentu climaticu. Sfurtunatamente, a questione climatica ùn cunnosci micca cunfini naziunali, naziunalità o identità. Hè vera chì; In a crisa climatica, e nostre cità sò à tempu perpetratori è vittimi. Ognunu di noi, chì hè ancu rispunsevuli di a sicurità ecologica di i nostri citadini chì campanu in e nostre cità, deve piglià passi permanente è trasfurmazioni in u campu di l'ambiente.

"Sparteremu l'esperienze di Istanbul cù i nostri membri"

Indittendu chì sò aperti à tutte e pussibuli cullaburazioni cum'è İBB è sò pronti à offre supportu, İmamoğlu hà dettu: "Sparteremu l'esperienza di Istanbul in queste materie cù i nostri membri. I nostri squadre tecnichi visitanu tutte e nostre cità membri chì volenu esse implicati in questi prughjetti è farà ogni sforzu, ancu u travagliu in situ. Perchè credemu in u putere constructivu è trasformativu di a cooperazione. Sò sicuru chì ancu avete sta credenza. Cù sta credenza è cun voi, pudemu realizà trasfurmazioni regiunale, in particulare a trasfurmazioni ambientale, a gestione di i rifiuti è l'energia verde. Indubbiamente, sta trasfurmazioni deve esse una trasfurmazioni verde versu l'armonizazione cù u "Pattu Verdi Europeu" annunziatu da l'Unione Europea in 2019. "Travagliendu inseme in i campi tecnichi è finanziarii, l'Unione Europea è a Rete B40 ponu trasfurmà u futuru di u nostru pianeta è di e nostre cità".

PRIMA FIRMA E POI DELIGIO

Dopu à İmamoğlu, tutti i sindaci participanti anu fattu discorsi. Dopu à i discorsi, un testu di participazione in B9 hè statu firmatu trà İmamoğlu, Fandakova è i merri di 40 cità bulgare. Dopu à e firme, İmamoğlu hà offertu piacè turcu à tutti i presidenti.

Annunci simili

Esse u primu à cummentà

Comments